Un nuovo presbitero e tre nuovi diaconi nella Chiesa genovese – IL VIDEO

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Nella domenica di Pentecoste in San Lorenzo il Card. Angelo Bagnasco ha ordinato un nuovo presbitero, don Mauro Mazzone, e tre nuovi diaconi in vista del sacerdozio, Don Davide Sormirio, Don Shiresh Kandanearachchi e Don Dario Scopesi, d.O.

La S. Messa, animata dalla Cappella musicale della Cattedrale, è stata concelebrata da Mons. Nicolò Anselmi, Vescovo Ausiliare, da Mons. Marco Doldi, Vicario Generale, dai Canonici della Cattedrale e da sacerdoti amici degli ordinandi.

Nell’omelia il Cardinale ha invitato i nuovi ordinati a servire le anime: “Ma come farvi veramente dono? Innanzitutto, dovrete dare la vita con Lui e per Lui, altrimenti sarà un progetto di cui sarete voi registi e attori”.

Attraverso l’umiltà e l’oblio di se stessi, ha detto il Cardinale, lo Spirito potrà prendere dimora nel nuovo sacerdote e nei nuovi diaconi. “Lo Spirito vi doni virtù, premio e gioia, una gioia impenitente perché non fondata su illusioni, ma sul coraggio e su Dio. Ponendo la vostra gioia in Dio, nessuna prova potrà sconvolgere la profondità del cuore e immettere il veleno della malinconia”.

Di questa gioia speciale oggi il mondo ha bisogno più che mai: da qui l’invito a compiere, ogni giorno, gli atti di carità e gli atti di gioia, con l’animo sempre rivolto a Maria, “la sola capace di sostenere i vostri cuori di uomini, senza immiserire i vostri cuori di consacrati”.

La liturgia è proseguita secondo i riti tradizionali, la prostrazione, la vestizione e l’unzione con il crisma.

Infine, la ‘consegna’ del Vangelo ai Diaconi e del pane e del vino offerti per la celebrazione dell’Eucaristia al presbitero.

La celebrazione si è conclusa con la benedizione papale impartita dalle mani del Cardinale Bagnasco, con l’indulgenza plenaria e la remissione di ogni pena.

IL TESTO DELL’OMELIA

 

IL VIDEO