Il Card. Bagnasco nella Messa Crismale: “I sacerdoti siano riflesso della luce di Dio”

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Sabato 30 maggio in San Lorenzo il Cardinale Angelo Bagnasco, Amministratore Apostolico della Diocesi di Genova, ha celebrato la S. Messa Crismale, rimandata a causa dell’emergenza sanitaria. Nell’occasione, sono stati ricordati anche gli anniversari di Ordinazione presbiterale e diaconale.

Nel rispetto delle norme vigenti, la S. Messa è stata concelebrata da Mons. Martino Canessa, Vescovo Emerito della Diocesi di Tortona, Mons. Nicolò Anselmi, Vescovo Ausiliare, Mons. Marco Doldi, Vicario Generale, e dai sacerdoti convenuti in Cattedrale.

Nell’omelia, il Cardinale ha riflettuto sulla pandemia che ha colpito così duramente il mondo, imponendo la distanza sociale e costringendo tanti alla solitudine. Questo ha fatto emergere con forza come ognuno, senza l’altro, sia incompleto, e che non è possibile vivere ripiegati su se stessi.

In questo momento difficile per il mondo, la vera fede è la sola a delineare un orizzonte di prospettiva per l’uomo: “Fuori da uno sguardo soprannaturale tutto diventa più difficile e stancante perché viene a mancare l’orizzonte e il respiro: veramente, senza il grande Bene, ogni bene si rimpicciolisce”.

Rivolgendosi ai sacerdoti, il Card. Bagnasco ha invitato a ricordare sempre l’annuncio della fede agli uomini, spesso distratti dall’esteriorità del mondo: “Gesù ci ha chiamati e ci ha posti come ministri della grazia, segno di speranza e piccolo riflesso della sua luce. Non ci ha mandati nel mondo per predicare le nostre idee o per affermare noi stessi, ma per annunciare Lui e quanto ci ha insegnato”.

Tornare al centro, all’essenziale del sacerdozio e della pastorale: è questa la via da seguire in questa ora difficile.

“La verità, il suo annuncio, oggi costano il sangue dell’anima, sono una sorta di moderno martirio. Ma è di questo che l’umanità ha bisogno: sapere la verità di chi è l’uomo, e di come vivere per giungere alla Meta. E la verità ha il volto di Cristo”: è questo il centro, al di là, ha detto il Cardinale, delle organizzazioni, dei programmi, delle risorse e dei numeri.

In conclusione dell’omelia, l’invito a guardare a “Maria Santissima, la Grande Madre di Dio e nostra, con Gesù è la primizia, la stella del mattino: a volte le nubi velano l’alba del nuovo giorno, ma il sole c’è, e non può fermarsi”.

Al termine dell’omelia, i sacerdoti hanno rinnovato le promesse sacerdotali. Una particolare preghiera è andata anche al Vescovo eletto, padre Marco Tasca.

La liturgia è proseguita con la benedizione degli oli santi: il Crisma, l’olio dei catecumeni e l’olio degli infermi.

In conclusione della celebrazione, sono stati ricordati gli anniversari dell’ordinazione sacerdotale, i 25mi, i 50mi, i 60mi, i 65mi, i 70mi e dei diaconi permanenti.

Per intercessione di Maria Regina di Genova, il Cardinale Bagnasco ha impartito la benedizione finale.

“Spero che sentiate l’affetto grato e la mia vicinanza, come io sento la vostra”, ha detto il Cardinale. “Accogliamo il nuovo Arcivescovo con tutto l’affetto, la stima e la docilità che la Chiesa e la fede ci indicano”.

IL TESTO INTEGRALE DELL’OMELIA

IL VIDEO