PAPA FRANCESCO: 19 nuovi Cardinali

All'Angelus, nella Festa del Battesimo del Signore, Papa Francesco ha annunciato la creazione di 19 nuovi cardinali, di cui 3 arcivescovi emeriti. Sedici nuovi porporati verranno creati dal Papa nel Concistoro del 22 febbraio prossimo, festa della Cattedra di San Pietro. Gli arcivescovi residenziali, che saranno nominati cardinali, appartengono a 12 nazioni di ogni parte della terra. Questi, ha detto il Papa, “rappresentano il profondo rapporto ecclesiale fra la Chiesa di Roma e le altre Chiese sparse per il mondo”. Prima dell'importante annuncio, il Pontefice aveva sottolineato che con la nascita di Gesù “è iniziato il grande tempo della misericordia” sulla Terra..
I 16 futuri cardinali, annunciati all'Angelus da Papa Francesco, sono:
mons. Pietro Parolin, arcivescovo titolare di Acquapendente, Segretario di Stato; mons. Lorenzo Baldisseri, Arcivescovo titolare di Diocleziana, Segretario Generale del Sinodo dei Vescovi; mons. Gerhard Ludwig Miller, Arcivescovo-Vescovo emerito di Regensburg, Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede; mons. Beniamino Stella, Arcivescovo titolare di Midila, Prefetto della Congregazione per il Clero; mons. Vincent Nichols, Arcivescovo di Westminster (Gran Bretagna); mons. Leopoldo José Brenes Solórzano, Arcivescovo di Managua (Nicaragua); mons. Gérald Cyprien Lacroix, Arcivescovo di Québec (Canada); mons. Jean-Pierre Kutwa, Arcivescovo di Abidjan (Costa d'Avorio); mons. Orani João Tempesta, O.Cist., Arcivescovo di Rio de Janeiro (Brasile); mons. Gualtiero Bassetti, Arcivescovo di Perugia-Città della Pieve (Italia); mons. Mario Aurelio Poli, Arcivescovo di Buenos Aires (Argentina); mons. Andrew Yeom Soo jung, Arcivescovo di Seoul (Korea); mons. Ricardo Ezzati Andrello, S.D.B., Arcivescovo di Santiago del Cile (Cile); mons. Philippe Nakellentuba Ouédraogo, Arcivescovo di Ouagadougou (Burkina Faso); mons. Orlando B. Quevedo, O.M.I., Arcivescovo di Cotabato (Filippine); mons. Chibly Langlois, Vescovo di Les Cayes (Haïti).
Insieme ad essi, ha detto il Papa, unirò ai membri del Collegio cardinalizio 3 arcivescovi emeriti, “che si sono distinti per il loro servizio alla Santa Sede e alla Chiesa. Si tratta di: Mons. Loris Francesco Capovilla, arcivescovo titolare di Mesembria, Mons. Fernando Sebastián Aguilar, C.M.F., arcivescovo emerito di Pamplona, Mons. Kelvin Edward Felix, arcivescovo emerito di Castries. Il Papa ha accompagnato questo annuncio con una preghiera:
“Preghiamo per i nuovi Cardinali, affinché rivestiti delle virtù e dei sentimenti del Signore Gesù (Rm 13,14) Buon Pastore, possano aiutare più efficacemente il Vescovo di Roma nel suo servizio alla Chiesa universale”.

Ai nuovi eletti il Papa ha scritto il seguente messaggio:
Caro Fratello,
nel giorno in cui si rende pubblica la tua designazione a far parte del Collegio Cardinalizio, desidero farti giungere un cordiale saluto insieme all'assicurazione della mia vicinanza e della mia preghiera. Desidero che, in quanto aggregato alla Chiesa di Roma, “rivestito delle virtù e dei sentimenti del Signore Gesù” (cfrRm 13,14), tu possa aiutarmi con fraterna efficacia nel mio servizio alla Chiesa universale.
Il Cardinalato non significa una promozione, né un onore, né una decorazione; semplicemente è un servizio che esige di ampliare lo sguardo e allargare il cuore. E, benché sembri un paradosso, questo poter guardare più lontano e amare più universalmente con maggiore intensità si può acquistare solamente seguendo la stessa via del Signore: la via dell'abbassamento e dell'umiltà, prendendo forma di servitore (cfrFil 2,5-8). Perciò ti chiedo, per favore, di ricevere questa designazione con un cuore semplice e umile. E, sebbene tu debba farlo con gaudio e con gioia, fa' in modo che questo sentimento sia lontano da qualsiasi espressione di mondanità, da qualsiasi festeggiamento estraneo allo spirito evangelico di austerità, sobrietà e povertà.
Arrivederci, quindi, al prossimo 20 febbraio, in cui cominceremo i due giorni di riflessione sulla famiglia. Resto a tua disposizione e, per favore, ti chiedo di pregare e far pregare per me.
Gesù ti benedica e la Vergine Santa ti protegga.
 

Alessandro Gisotti