Giovani dell’Arcidiocesi alla Guardia; un momento particolare dedicato ai fidanzati

La sera della vigilia della Solennità di Pentecoste, presso il Santuario di N.S. della Guardia, si svolge ogni anno la Veglia di Pentecoste dei giovani della Diocesi insieme al loro vescovo. Quest’ importante e significativa consuetudine è arricchita, quest’anno, da un appuntamento speciale che inizierà alle 15,30 del 23 maggio e a cui sono invitate tutte le coppie di fidanzati ormai prossimi alle nozze cristiane o che stanno seriamente pensando di progettare questo importante passo della loro vita insieme. Si tratta della Convocazione diocesana dei fidanzati e rientra nelle attività del secondo anno dedicato alla Famiglia, fortemente voluto dal nostro Arcivescovo e curato dall’Ufficio Diocesano di Pastorale della Famiglia in collaborazione con il Servizio Diocesano di Pastorale Giovanile e con l’Azione Cattolica. Con questo evento, la Chiesa genovese vuole sostenere i fidanzati nel loro cammino di crescita, orientato a costruire gradualmente un vero progetto che corrisponda sempre di più alla scoperta del disegno di amore di Dio su di loro.

Perché questo appuntamento? Partendo dal presupposto che il matrimonio cristiano, in quanto sacramento, è un evento di grazia ed un momento nel quale ci si conferma nella propria fede, per la Chiesa è anche un momento da vivere non in maniera esclusivamente personale ma soprattutto da condividere all’interno della comunità cristiana, che accompagna con la preghiera e con l’affettuosa vicinanza le coppie che si preparano a diventare un segno dell’amore di Dio per la stessa comunità ecclesiale. Ecco quindi l’importanza di concedersi un momento per riflettere un poco e scrutare la propria storia, personale e di coppia,  per ascoltare ed ascoltarsi, parlarsi e verificare la consistenza della propria relazione come coppia. 
Come si svolge? L’appuntamento è davanti al Santuario della Guardia sabato 23 maggio a partire dalle 15,30 presso le strutture del Santuario. 
Don Piero Pigollo, direttore dell’Ufficio diocesano per la Pastorale Familiare, presenterà l’incontro attraverso l’ausilio di un breve filmato al quale seguirà la suddivisione in gruppi, che verranno supportati da alcune giovani coppie-guida per una riflessione personale e di coppia, prendendo spunto da alcuni esempi di sposi dichiarati santi dalla Chiesa o prossimi a diventarlo. 
Verso le 18,30 ci si ritroverà tutti per una condivisione generale in piena libertà ed un momento di preghiera conclusivo intorno alle 19,00. La serata proseguirà con la cena (un’ottima pastasciutta!) insieme a tutti i giovani della Diocesi e con la partecipazione alla Veglia diocesana guidata dal nostro Arcivescovo.
Perché partecipare?
 In Chiesa non ci si sposa “per caso” ma perché si è chiamati da Dio e si sceglie di rispondere “sì”; il matrimonio è anch’esso una vocazione al pari del sacerdozio, della vita consacrata e di tutte le scelte che avvengono nella consapevolezza di rispondere al progetto d’amore che Dio ha per ciascuno di noi. 
Ogni battezzato è chiamato alla santità e nell’ottica di questa “universale chiamata alla santità” il matrimonio cristiano diventa realmente via di santificazione per i coniugi stessi e per la famiglia che andranno a creare. 
Ma per prendere maggiore consapevolezza di questa sfida, servono momenti dedicati e questa opportunità offerta ai fidanzati vuole essere il segno di un’attenzione che la Chiesa di Genova ha verso di loro e della fiducia e speranza che ripone nel loro desiderio di  scegliersi, di crescere insieme e di amarsi “per sempre” nel Signore. 
Nell’attesa di vederci certamente numerosi il 23 maggio dalle 15,30 presso il Santuario di N.S. della Guardia, vogliamo ricordare insieme queste parole di Papa Francesco ai fidanzati: “Anche per voi, il Signore può moltiplicare il vostro amore e donarvelo fresco e buono ogni giorno. Ne ha una riserva infinita! ”.

Diac. Davide Burlando