Chi sono i nuovi diaconi

Quattro i diaconi che saranno ordinati domenica 8 giugno in CattedraleMatteo Paolo ConteDopo il diploma superiore, conseguito all’Istituto Tecnico Industriale “Don Bosco” di Sampierdarena, si è iscritto al corso di Ingegneria Biomedica dell’Università degli Studi di Genova.Ha iniziato a lavorare come consulente informatico e sviluppatore di software, prima come dipendente di una società, poi come piccolo imprenditore. Fin da bambino ha frequentato la parrocchia N.S. Assunta di Sestri Ponente, ed in particolare gli scout.Il primo germe della sua vocazione è nato in casa: “Un fratello di mia mamma è appunto sacerdote – racconta – e la sua figura ha sempre suscitato in me una certa ammirazione”. Neuville CosparE’ nato in Guyana francese (regione e dipartimento d’oltremare della Francia nell’America meridionale ) il 19 dicembre 1980. Ha frequentato la ‘Pontificia Facultas Theologica Teresianum’ di Venasque in Francia ove ha conseguito i titoli di studio.Nel giugno del 2010 è entrato a far parte dell’ Associazione pubblica Clericale diocesana, Fraternità della Santissima Vergine Maria.  Il 2 febbraio 2013 in seno a quest’Istituto ha pronunciato i voti religiosi.Massimo DelleraHa 32 anni ed è laureato in Scienze del turismo all’Università Bicocca di Milano. E’ entrato nei Carmelitani Scalzi della Liguria nel 2006. Nel 2012 in accordo con i superiori ha deciso di fare il passaggio dal Carmelo alla Diocesi.Paolo CostaHa 29 anni ed è laureato in Giurisprudenza. E’ originario della parrocchia di San Francesco d’Albaro, benché abbia svolto il percorso del catechismo e abbia ricevuto i sacramenti dell’iniziazione cristiana presso la parrocchia di Sant’Antonio di Boccadasse, dove ha trascorso l’infanzia e la prima adolescenza. Dopo la cresima ha continuato a frequentare dapprima la parrocchia di Boccadasse e in seguito quella di Albaro, svolgendo alcuni servizi di aiuto nel catechismo e con i ministranti. Fu proprio negli anni del ginnasio – ha, infatti, frequentato le scuole superiori presso il Liceo Classico Andrea D’Oria – che per la prima volta iniziò a percepire un’attrazione per la vita sacerdotale.