Seguici su   
ora sei in:
 Arcivescovo » Arcivescovo » Omelie e Interventi » Scout d'Europa: indirizzo di saluto al Santo Padre 
Raduno europeo degli Scout d'Europa: indirizzo di saluto al Santo Padre   versione testuale
Discorso pronunciato sabato 3 agosto 2019 nell'Aula Paolo VI in Vaticano in occasione dell'udienza del Santo Padre agli Scout d'Europa






Città del Vaticano
Udienza del Santo Padre Francesco all’Associazione Guide e Scout d’Europa in occasione dell’EUROMOOT, sabato 3.8.2019
Indirizzo di saluto
 
Santo Padre,
 
La ringraziamo di cuore per avere accettato di incontrare le Guide e gli Scout d’Europa nel loro raduno europeo, EUROMOOT, dove partecipano 5.000 giovani tra i 17 e i 21 anni. Questo momento è ritrovarci con Lei nella Sua casa in ideale continuità al 2014, quando Lei ha scritto un messaggio che è rimasto vivo nei ragazzi dell’ Eurojamboree in Francia. Molti di quei volti – che allora erano tra gli 11 e i 16 anni – ora sono qui per vederLa di persona e ascoltare la Sua parola. Grazie, Santità: a ragione possiamo dire che questo è un incontro di famiglia, che in qualche modo continua lo spirito del Sinodo sui giovani appena concluso, e per il quale La ringraziamo. Dalla Esortazione post sinodale “Christus vivit” il cammino di questi giovani ha preso ispirazione e vuole esserne traduzione concreta.
 
Molte volte Lei, Santo Padre, ha raccomandato a noi Pastori di camminare con i giovani, che la loro vita incarna in modo particolare le sfide della strada, del raggiungere una meta, dello stare insieme, del dialogare con serietà e allegria, del fare qualcosa di bello: ebbene, tutto questo appartiene al carisma dello Scoutismo, ed è metodo del loro crescere come buoni cittadini e buoni cristiani, esploratori deli sentieri di Gesù, il grande Capo e salvatore.
Il tema che ha ispirato questo raduno europeo sono le parole di San Giovanni Battista: “Parate viam Domini”. È ancora la strada che ritorna come immagine eloquente e impegnativa, misteriosa e affascinante: strada, comunità, servizio, sono le scansioni dei loro anni giovanili, e – con la grazia di Dio – della loro intera esistenza. In questi giorni, in qualunque situazione si sono trovati, hanno vissuto insieme l’esperienza della Lectio Divina e degli antichi amanuensi, che hanno segnato l’esperienza benedettina e consegnato al mondo il patrimonio umano e cristiano che ha fondato l’Europa che tutti amiamo e in cui crediamo.
 
Santo Padre, giovane è la loro vita e ancora breve la loro esperienza: per questo ogni giovane ha bisogno degli adulti, dei loro formatori qui presenti. Ma grande è il loro cuore, e ardente è il desiderio non di essere importanti ma di essere utili, qualunque sarà la vocazione che il Signore donerà a ciascuno. Essi – insieme ai loro Capi – vogliono guardare avanti e pensare in grande, seguire Gesù, Colui che ha parole di vita eterna. Lei, Successore dell’Apostolo Pietro, ci dica le parole del divino Maestro, resti davanti a noi, ci confermi la strada della fede e della vita: nessuno vuole sbagliare, e tutti desiderano – nella Chiesa – seguire Dio e servire gli altri, desiderano lasciare il mondo un po’ migliore. Grazie, Le vogliamo bene!
Card. Angelo Bagnasco
Presidente Consiglio Conferenze Episcopali d’Europa