Seguici su   
ora sei in:
 Vivere la Chiesa » Servizi diocesani » La Famiglia dono e speranza per il mondo » Materiali » Messaggio delle famiglie alla città 
Messaggio delle famiglie alla società   versione testuale





 Convocazione Diocesana della Famiglia
Genova, 4 maggio 2014
“La famiglia, dono e speranza per il mondo”
 
 
MESSAGGIO DELLE FAMIGLIE ALLA SOCIETA’
 
Viviamo un momento di grazia per la speciale attenzione che la Chiesa ha per la Famiglia, e accogliamo con gioia gli incoraggiamenti che giungono da Papa Fran-cesco e dal Cardinale Arcivescovo Angelo Bagnasco.
Il santo Padre ha detto recentemente che ci è “chiesto è di riconoscere quanto è bello, vero e buono formare una famiglia, essere famiglia oggi; quanto è indispensabile questo per la vita del mondo, per il futuro dell’umanità” . Il nostro Arcivescovo, nella sua ultima lettera pa-storale, ha indicato: “Tra le luci dell’universo vi è la famiglia: vedere un papà e una mamma con i loro figli, commuove e apre al sorriso”.
Ci siamo lasciati guidare dall’ascolto della Parola di Dio, dal Magistero della Chiesa e dalla esperienza: «Dio creò l'uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò. Dio li benedisse e disse loro: “Siate fecondi e mol-tiplicatevi” (Gen. 1, 27-28).
 
Ribadiamo che la missione della famiglia, fondata sul matrimonio, è insostitu-ibile nella società: è comunità d’amore, grembo della vita, prima palestra dell’umano, Chiesa nelle case, principale presidio della convivenza sociale.
Vogliamo per questo – insieme a tutta la Comunità cristiana - intensificare il sostegno a tutte le coppie e famiglie, alla loro attiva presenza nella società e nella cul-tura.
Intendiamo – come Chiesa – sostenere il grande compito educativo dei papà e delle mamme, che sono i primi e fondamentali educatori dei loro figli. L’urgenza di una formazione integrale e armonica è sotto gli occhi di tutti, specialmente nella di-mensione affettiva, in vista di rapporti veri e solidi, e di scelte definitive come la fa-miglia.
Da molti anni è stata proclamata, dalla Santa Sede, la Carta dei diritti della famiglia (1983), ed ancor prima la Costituzione Italiana aveva impegnato lo Stato, in tutte le sue articolazioni, a riconoscere e promuovere la famiglia come “società naturale fondata sul matrimonio” (art 29). Tuttavia, ancora troppo poco è stato fatto dalle isti-tuzioni pubbliche per attuare questo principio.
Oggi le famiglie, qui rappresentate, esprimono gioia e gratitudine per la loro vocazione, e affermano che, anche nei momenti di difficoltà e fatica - compresa la grave crisi economica - la famiglia c’è, resiste, conforta, cura, ama, genera ed accoglie.
 
Insieme, ad una sola voce, chiediamo alla società e alle pubbliche Istituzioni - a partire da quelle cittadine - concrete misure di valorizzazione e sostegno dei diritti della famiglia fondata sul matrimonio, e della sua fondamentale missione.
In particolare:
- Il riconoscimento del suo insostituibile ruolo umano e sociale, mediante la valutazione di impatto familiare delle politiche amministrative, e il coinvol-gimento delle famiglie nella programmazione delle scelte che la riguardano con la costante consultazione delle Associazioni familiari;
- l’adozione di un sistema tariffario e fiscale a misura di famiglia, che ri-conosca e valorizzi i carichi familiari, il numero dei componenti di ogni nu-cleo, la presenza dei disabili e degli anziani nelle famiglie;
- l’incremento dei servizi di sostegno alla coppia ed al compito genitoriale, per prevenire i conflitti familiari e le difficoltà personali ed economiche che ne derivano sia alla coppia che ai figli;
- l’introduzione di misure di favore e sostegno per le giovani coppie che intendono contrarre matrimonio (ad esempio mediante agevolazioni per l’acquisto o l’affitto della prima casa familiare);
- una politica di incentivi alla natalità, che premi la nascita di ogni bambino ed agevoli l’accesso ai servizi pubblici dei nuclei con figli;
- il favore per le iniziative del tessuto economico e sociale capaci di favorire l’armonizzazione dei tempi del lavoro con i tempi della famiglia, con particolare riguardo alla condizione lavorativa della donna (ad esempio pre-miando le imprese e le associazioni concretamente impegnate in argomento)
- uno sguardo attento e incoraggiante, anche mediante specifici incentivi, sulle associazioni familiari e le reti di famiglie che costruiscono percorsi di auto e mutuo aiuto, per la soluzione di problemi familiari, sociali e di inte-grazione delle famiglie immigrate nella comunità.
 
Siamo grati alla Diocesi per la continua attenzione che presta al matrimonio e alla famiglia, e per il Biennio pastorale ad essa dedicato in modo speciale. La Chiesa – famiglia di famiglie - è cosciente delle sfide, ma è certa della fedeltà di Dio. Per questo non si tira indietro e, con umiltà e passione, cerca vie antiche e nuove. Sa che il Signore Gesù, come sull’antica via di Emmaus, cammina con gli uomini del nostro tempo. Per questo, come se fossimo sui tetti della Città, ripetiamo a tutti le parole di Cristo: “non temete, (…) io sono con voi” (Mt 28).
 
NOTA
La Convocazione della Famiglia si è svolta al Palasport di Genova domenica 4 maggio 2014 con la partecipazione di migliaia di persone.
L’iniziativa è stata capillarmente preparata nelle Parrocchie della Diocesi, nelle Scuole Cattoliche, nei Movimenti, nelle Associazioni e nei Gruppi grazie alla diffu-sione di schede di lavoro riguardanti diversi aspetti del matrimonio e della famiglia.
Al termine della convocazione è emerso il desiderio di sintetizzare in un Messaggio alla società la bellezza insostituibile della Famiglia, e alcune specifiche richieste di riconoscimento e valorizzazione del suo ruolo e dei suoi compiti.