Seguici su   
ora sei in:
 Notizie » 2018 » Gennaio » Giubileo diocesano per i 900 anni della Cattedrale: le date dei pellegrinaggi delle sette zone 
Martedì 9 Gennaio 2018
Giubileo diocesano per i 900 anni della Cattedrale: le date dei pellegrinaggi delle sette zone   versione testuale






Come stabilito nella riunione dei Vicari Territoriali presieduta dall’Arcivescovo lo scorso 16 novembre, nell’anno giubilare diocesano per i 900 anni di consacrazione della Chiesa Cattedrale, le 7 zone della Diocesi, che raggruppano i vari Vicariati, svolgeranno un pellegrinaggio in San Lorenzo, come già avvenuto per il Giubileo della Misericordia, nelle seguenti date:

13 gennaio: zona Centro 1 (San Teodoro, Oregina, Centro Ovest, Centro Est, Castelletto)
27 gennaio: zona Centro 2 (Carignano-Foce, Albaro, San Martino-Valle Sturla, San Fruttuoso)
17 febbraio: zona Levante (Quarto, Quinto-Nervi, Bogliasco-Pieve-Sori, Recco-Uscio-Camogli)
24 febbraio: zona Ponente (Cornigliano, Sestri Ponente, Pegli, Pra'-Voltri-Arenzano)
10 marzo: zona Valbisagno (Marassi-Staglieno, Medio-Alto Bisagno)
28 aprile: zona Valpolcevera (Sampierdarena, Rivarolo, Bolzaneto, S. Olcese-Serra Riccò, Pontedecimo-Mignanego, Campomorone)
9 giugno: zona Nord (Valle Scrivia, Gavi)

Sarà inoltre possibile sostare davanti alla statua bronzea della Madonna posta sull’altare maggiore e rinnovare l’affidamento in occasione del 380° anniversario dalla consacrazione della Città a Maria Regina di Genova.

Il programma per le sette zone è il seguente:
- ore 15.45 ritrovo in Piazza San Lorenzo; - ore 16 ingresso in Cattedrale, recita del S. Rosario e possibilità di accostarsi al sacramento della Confessione; - ore 17 S. Messa presieduta dal Cardinale Arcivescovo.

Durante l’anno giubilare viene inoltre concessa l’indulgenza plenaria ai fedeli che adempiranno le seguenti condizioni: Confessione sacramentale; Comunione Eucaristica; preghiere secondo le intenzioni del Sommo Pontefice: visita alla Chiesa Cattedrale (chiesa giubilare); partecipazione alle celebrazioni; meditazione conclusa con la recita del “Padre nostro”, del “Credo”, e l’invocazione della Beata Vergine Maria e di S. Lorenzo.