Seguici su   
ora sei in:
 Vivere la Chiesa » Servizi diocesani » Papa Francesco a Genova » Lettera del Papa al Cardinale Bagnasco dopo la Visita 
Lettera del Papa al Cardinale Bagnasco dopo la Visita   versione testuale






 Pubblichiamo il testo integrale della lettera che il Santo Padre Francesco ha inviato al Cardinale Arcivescovo dopo la Visita Pastorale a Genova dello scorso sabato 27 maggio:

Al Signor Cardinale
Angelo BAGNASCO
Arcivescovo Metropolita di Genova
 
Al ritorno dalla mia visita pastorale a Genova, durante la quale ho vissuto momenti di grande comunione con codesta Comunità diocesana, sperimentando l'entusiasmo della fede e il calore dell'accoglienza dei genovesi, desidero esprimere a Lei, ai sacerdoti, alle persone consacrate e ai fedeli tutti il mio cordiale apprezzamento.

Sono riconoscente per lo spirito con cui sono stati vissuti i van incontri, come anche per l'organizzazione che ha consentito la partecipazione da parte di tutti e ha dato modo ai lavoratori e alle famiglie di manifestare le loro preoccupazioni, ai giovani e agli adolescenti di esprimere la loro vivacità contagiosa. Porto nel cuore l'incontro con i piccoli ammalati dell'Ospedale Gaslini, luogo dove si sperimenta non solo la professionalità scientifica e medica, ma soprattutto l'umanità e la tenerezza solidale di una comunità attenta alle persone più fragili.

Ringrazio Lei, i suoi collaboratori e quanti hanno lavorato per la buona riuscita di quella indimenticabile giornata di preghiera, di dialogo e di festa. Sono grato anche per il sincero affetto nei confronti del Successore di Pietro, manifestato da diverse realtà ecclesiali e civili, come pure dai singoli fedeli: tutto ciò è segno di amore alla Chiesa.

Nell'incoraggiare l'intera Arcidiocesi di Genova a proseguire il suo cammino, testimoniando la gioia del Vangelo in ogni ambiente, anche i più difficili, invoco dal Signore, per la materna intercessione della Vergine Maria e dei Santi e Beati genovesi, una effusione di doni e di conforti celesti su di Lei e su quanti sono affidati alle Sue cure pastorali.

Con tali sentimenti, mentre chiedo di perseverare nella preghiera per me, rinnovo a ciascuno la Benedizione Apostolica.

Fraternamente

Dal Vaticano, 2 giugno 2017
 Francesco