Seguici su   
ora sei in:
 Curia » Uffici di Curia » Catechistico » I nostri Sussidi » Novena defunti e Festa dei Santi » 2015: Un abbraccio di tenerezza 
2015: Un abbraccio di tenerezza   versione testuale
Sussidio per la novena dei defunti






 

Un’allegra pozzanghera  passava le giornate scherzando con chi le passava vicino e durante la notte era orgogliosa di riflettere  la volta celeste ma c’era una cosa che la terrorizzava, il sole i cui raggi avrebbero potuto catturarla per sempre. Un giorno un saggio poeta le fece capire che non doveva temere, il sole l’avrebbe accolta in un tenero abbraccio accompagnandola fino al mare, la madre e la patria di tutte le pozzanghere. Ancora grazie all’aiuto di Bruno Ferrero con il racconto “La pozzanghera” cercheremo di affrontare l’argomento della morte con i nostri ragazzi.  La morte è il più grande dolore del mondo. Ci rattrista quando colpisce i nostri cari e ci spaventa quando si avvicina a noi. Non deve essere così per noi cristiani, non deve essere motivo di tristezza come per coloro che non hanno speranza, la nostra speranza è fondata in Cristo. La morte è la nostra via di salvezza, il passaggio che ci porta nella vita eterna, dove il Padre sta ad aspettarci, per far festa con noi, come all'arrivo del figliol prodigo.                                                                                      

Il sussidio propone alcune attività che saranno utili ai catechisti per impostare un laboratorio con i bambini ed i ragazzi. Ascolto, riflessione, preghiera, condivisione ci aiuteranno a commemorare i nostri cari che ci hanno preceduto alla casa del Padre. La prima attività semplice e di facile esecuzione è particolarmente indicata per i più piccoli, partendo dalla narrazione della storia si arriva al ricordo dei nostri parenti e amici formulando una preghiera spontanea. La seconda è riservata ai preadolescenti che saranno invitati ad usare il loro cellulare in modo diverso, per ricordare e pregare. L’ultimo laboratorio si può adattare a qualsiasi fascia di età, dopo aver realizzato  l’acrostico delle parole DOLORE  e GIOIA possiamo pregare insieme utilizzando la bellissima preghiera di Padre Antonio Rungi proposta dal sussidio. Con i ragazzi più grandi la preghiera potrà essere uno strumento da cui partire per estrapolare alcuni concetti: i giorni donati, la preparazione all’incontro, la vittoria sulla morte, la grazia di saper soffrire, il passaggio, la conversione, la comunione spirituale, la preghiera, le opere buone, la guida, l’attesa della felicità. Il poeta dice alla pozzanghera: “Lasciati prendere dal sole ... Splenderai come un astro del cielo sulle rotte dell'infinito”. Si tratta di un  invito a cambiare il nostro punto di vista: la morte non è la fine di tutto ma un abbraccio di tenerezza che ci conduce alla vita eterna.

Daniela Lenzi